Come gestire un sinistro stradale? Le 5 domande più frequenti

Essere coinvolti in un incidente non è mai piacevole e può essere fonte di stress per qualsiasi automobilista, dal neo patentato al più esperto. Non solo, districarsi nelle procedure da seguire per la gestione di tutto ciò che riguarda il sinistro può risultare complicato.

Vediamo insieme le domande più frequenti su come gestire un sinistro stradale e i vantaggi di affidarsi ad una carrozzeria convenzionata con la propria compagnia assicurativa.

1. Cosa fare in caso di incidente stradale?

Per prima cosa è fondamentale, per quanto possibile, cercare di mantenere la calma. L’agitazione è la peggior nemica in queste situazioni e può condurci a commettere errori che potrebbero inficiare la procedura di risarcimento.

I veicoli e le persone coinvolte nel sinistro stradale

Occorre innanzitutto accertarsi delle condizioni delle persone e dei mezzi coinvolti.

Se vediamo la presenza di feriti o danni gravi ai veicoli è bene NON spostarli dal luogo dell’incidente e chiamare immediatamente Forze dell’Ordine e 112. Prestare assistenza ai feriti in attesa dell’arrivo dei soccorsi è un obbligo ai sensi dell’art.189 del Codice della Strada.

Se invece il sinistro è di lieve entità è OBBLIGATORIO non ostruire la circolazione, pena la sanzione.

Compilare il modulo CAI (Constatazione Amichevole di Incidente)

Il modulo CAI, meglio conosciuto come costatazione amichevole, è fondamentale perché può sollevarci da numerosi problemi.

È il documento attraverso il quale viene descritta la dinamica dell’incidente e indicati i soggetti coinvolti ed è alla base della procedura di liquidazione dei danni derivanti dal sinistro. Va SEMPRE compilato, sia in caso di ragione che di torto.

Identificare eventuali testimoni del sinistro stradale

In caso di sinistro, soprattutto se non c’è accordo tra le parti coinvolte, è bene raccogliere le dichiarazioni dei testimoni, se presenti, sul posto. Utilissimi se malauguratamente si dovesse poi ricorrere in giudizio.

2. Come denunciare un sinistro stradale?

Per capire come gestire un sinistro stradale al meglio bisogna innanzitutto seguire i passaggi corretti. Il primo è avvertire la compagnia assicurativa dell’incidente, passo indispensabile per dar seguito alla procedura di risarcimento.

La denuncia del sinistro stradale

Per denunciare l’incidente è necessario utilizzare l’apposito MODULO CAI – constatazione amichevole – che normalmente è fornito dalla Compagnia stessa di Assicurazione all’atto della stipula del contratto.

Correttamente compilato è valido ai fini della denuncia del sinistro anche qualora la controparte non avesse firmato, in questa ipotesi deve essere compilata la parte riguardante il proprio veicolo mentre per l’altro sono sufficienti i dati dell’auto e la compagnia assicurativa. Una volta compilato va inviato solitamente a mezzo A/R.

I termini della denuncia

La legge stabilisce che la denuncia di sinistro vada comunicata alla compagnia assicurativa entro il termine massimo di 3 giorni dalla data dell’evento. Rispettare i tempi è fondamentale ai fini del risarcimento, omettere o dare comunicazione oltre i tempi previsti per legge può comportare la riduzione dell’entità dello stesso, fatta eccezione per le cause di forza maggiore.

Il diritto al risarcimento dei danni subiti cade in prescrizione dopo 2 anni dal suo verificarsi.

3. Come gestire un sinistro stradale: la compilazione del modulo CAI

Come gestire un sinistro stradale dipende molto da come si è compilata la constatazione amichevole. Di fondamentale importanza per la denuncia del sinistro e per dare seguito alla procedura di liquidazione del danno.

I dati obbligatori per il CAI

  • Data e luogo dell’incidente
  • Indicazione di eventuali feriti
  • Generalità di eventuali testimoni
  • Dati relativi a contraente/assicurato
  • Dati del veicolo
  • Dati relativi alle compagnie assicurative
  • Danni visibili dei veicoli coinvolti
  • La dinamica del sinistro
  • Le firme dei conducenti

Se la controparte dovesse rifiutare di firmare non c’è da preoccuparsi, va SEMPRE compilata la propria parte e indicati – riferendosi all’altro veicolo coinvolto – i dati e la compagnia assicurativa. Meglio in questi casi raccogliere le dichiarazioni di testimoni, se ci fossero, o le indicazioni delle Forze dell’Ordine se presenti.

4.      Cos’è l’indennizzo diretto a seguito di un incidente stradale?

Dal 2007 la legge in tema di risarcimento del danno è stata modificata con l’introduzione della convenzione CARDConvenzione tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto – grazie alla quale l’assicurato che ha subito il danno potrà richiedere direttamente il risarcimento alla propria compagnia anziché a quella della controparte.

Condizioni per ottenere l’indennizzo diretto

Per poter procedere con l’indennizzo diretto – anziché con la procedura ordinaria che rimane valida negli altri casi – occorre che il sinistro:

  • coinvolga non più di 2 veicoli a motore identificati e provvisti di assicurazione
  • si sia verificato in Italia, Città del Vaticano o Repubblica di San Marino
  • i veicoli siano immatricolati in Italia, Città del Vaticano o Repubblica di San Marino
  • le eventuali lesioni del conducente non devono superare la soglia del 9% di invalidità permanente

Tempistiche per l’indennizzo diretto

La compagnia assicurativa, una volta ricevuta la richiesta deve formulare un’offerta entro tempi precisi:

  • 30 giorni se CAI firmato da entrambe le parti
  • 60 giorni se CAI firmato solo dal richiedente
  • 90 giorni in caso di danni fisici del richiedente

5. Ho l’obbligo di riparazione dell’auto in una carrozzeria convenzionata?

È in questa fase, nel momento in cui bisogna quantificare il danno e ripararlo, che entrano in gioco le carrozzerie convenzionate, come Carrozzeria Mattia di Trezzano sul Naviglio vicino a Milano.

Cos’è una carrozzeria convenzionata

Chiunque si sia trovato coinvolto in un sinistro stradale si è domandato se avesse o meno l’obbligo di riparazione dell’auto in una carrozzeria convenzionata, ma esattamente cosa s’intende?

In virtù di una convenzione di tipo commerciale tra assicurazione e carrozzeria, quest’ultima diventa il punto di riferimento per l’assicurato nella gestione di tutti i passaggi relativi a valutazione e riparazione del danno.

I vantaggi di affidarsi ad una carrozzeria convenzionata

Ecco allora che un obbligo di riparazione dell’auto presso una carrozzeria convenzionata si trasforma in un grosso vantaggio per l’assicurato:

  • Un interlocutore certo per qualsiasi necessità
  • Nessun anticipo sui costi di riparazione
  • Elevati standard di qualità
  • Una corsia preferenziale per soddisfare le esigenze dell’assicurato

I vantaggi con Carrozzeria Mattia di Trezzano sul Naviglio

Con Carrozzeria Mattia di Trezzano sul Naviglio vai sul sicuro, convenzionata con i big del mondo assicurativo – Cattolica, Generali, Genertel e Vittoria – sarà al tuo fianco passo dopo passo in tutti gli step della gestione del sinistro offrendoti molto di più degli standard garantiti:

  • NESSUN ANTICIPO di denaro per le riparazioni del veicolo
  • Esperienza consolidata e innovazione continua
  • Garanzia A VITA dei lavori di riparazione
  • Abbattimento della franchigia
  • Auto sostitutiva con cambio manuale o automatico
  • NUMERO WHATSAPP dedicato per rimanere sempre in contatto
  • Rapidità e qualità del servizio: oltre l’80% dei lavori viene eseguito in 48 h.

Con Carrozzeria Mattia di Trezzano sul Naviglio, a due passi da Milano, il tuo sinistro sarà solo un brutto ricordo, per info contattaci!

Leave A Comment