Gestione di un sinistro stradale: la constatazione amichevole

La parola “sinistro” è già di per sé evocatrice di qualcosa di poco piacevole. Nel campo automobilistico è l’incubo per eccellenza di chiunque si metta alla guida, specie in città oberate dal traffico come Milano e dintorni dove il rischio di subire o provocare un incidente è sempre dietro l’angolo.

Cosa fare se malauguratamente ci si ritrova coinvolti nel classico tamponamento?

Anche l’automobilista più lucido ed esperto potrebbe trovarsi in difficoltà perché in questi casi la concomitanza di alcuni fattori, come il disagio e la rabbia per la macchina che ha riportato danni di varia entità, si sommano alla forte carica di stress e tensione, rendendo la gestione del sinistro stradale più complicata.

Vediamo allora insieme agli esperti di Carrozzeria Mattia come gestire senza stress un sinistro stradale a partire dalla corretta compilazione della constatazione amichevole.

Il modulo CAI: tutto quello che devi sapere

Nel mondo dei sinistri stradali il modulo CAI, meglio conosciuto come constatazione amichevole, è alla base di tutto quello che sarà il procedimento di liquidazione del danno. Per questa ragione la sua corretta compilazione può sollevarci da molti problemi.

Cos’è il CAI

Il modulo CAI, o modulo blu, è lo strumento messo a disposizione dell’automobilista dalla sua compagnia assicurativa per la denuncia di un sinistro stradale, ai fini della regolare procedura di liquidazione del danno derivante dall’incidente.

È il documento all’interno del quale viene non solo descritta la dinamica del sinistro ma anche definita la responsabilità dei soggetti coinvolti e va sottoscritto da entrambe le parti in causa.

A cosa serve il CAI

Come abbiamo detto, compilare il modulo CAI può sollevarci dai principali problemi relativi alla gestione di un sinistro stradale.

Il modulo, debitamente compilato e sottoscritto da entrambi i conducenti, rende molto più agevole e snello tutto il meccanismo di risarcimento da parte della compagnia assicurativa che, grazie alla convenzione CARD (Convenzione tra Assicuratori per il Risarcimento Diretto), procederà con l’indennizzo diretto del danno al proprio assicurato senza passare dalla compagnia della controparte.

Come compilare il CAI

Vediamo insieme, secondo l’ordine in cui si presentano, tutti i dati necessari per la gestione ottimale di un sinistro stradale in termini di compilazione del modulo CAI:

  1. Data e orario del sinistro (obbligatorio)
  2. Luogo (obbligatorio)
  3. Indicazione su eventuali feriti (obbligatorio)
  4. Danni materiali ad altri veicoli/cose
  5. Generalità di eventuali testimoni (obbligatorio)
  6. Dati relativi al contraente/assicurato (obbligatorio)
  7. Dati dei veicoli (obbligatorio)
  8. Dati relativi alle Compagnie Assicurative (obbligatorio)
  9. Generalità del conducente
  10. Il punto d’urto iniziale per entrambi i veicoli
  11. I danni visibili dei veicoli coinvolti (obbligatorio)
  12. La dinamica del sinistro (obbligatorio)
  13. Il grafico della dinamica
  14. Osservazioni
  15. Le firme dei conducenti (obbligatorio)

Qualora la controparte si rifiutasse di firmare, è comunque fondamentale compilare la propria parte e indicare – relativamente all’altro veicolo – i dati e la compagnia assicurativa.

In questo caso meglio raccogliere le dichiarazioni di eventuali testimoni e le indicazioni delle Forze dell’Ordine se intervenute.

Gli errori più comuni nella compilazione del CAI

Nella compilazione della constatazione amichevole, come nella gestione generale di un sinistro stradale, vuoi per la tensione o la fretta, è frequente commettere degli errori.

Attenzione! Questo potrebbe costarci caro, nel vero senso della parola. Infatti, tra i principali motivi di mancato indennizzo a seguito di un sinistro, rientra proprio la compilazione inesatta o mancante – soprattutto nei campi obbligatori – del modulo CAI.

La lista degli errori è variegata, tra i più frequenti risultano l’omissione della data e del luogo dove si è verificato l’incidente, la trascrizione sbagliata del numero di targa dei veicoli, la mancata indicazione dei dati relativi alla polizza assicurativa o la segnalazione del proprio broker/agenzia invece della Compagnia Assicurativa.

Spiccano inoltre le circostanze contraddittorie, l’omissione di dati rilevanti quali la segnaletica – orizzontale o verticale – i sensi di marcia non indicati così come il punto d’impatto iniziale e la lista potrebbe essere ancora più lunga.

E se ci accorgiamo di aver sbagliato?

Siamo ancora in tempo per le correzioni – ammesso che la controparte sia disponibile – purché il modulo CAI non sia già tra le scartoffie dell’Assicurazione, a quel punto è troppo tardi per la rettifica.

Obbligo di riparazione dell’auto nella carrozzeria convenzionata: con Mattia vai sul sicuro

E una volta compilato il modulo CAI? Niente panico, è qui che Carrozzeria Mattia di Trezzano sul Naviglio fa la differenza.

Già, perché la gestione di un sinistro stradale non si esaurisce con la compilazione della constatazione amichevole, ma richiede numerosi altri passaggi tra i quali potrebbe essere difficile districarsi. Alzi la mano chi non si è posto la domanda “Ho l’obbligo di riparare l’auto in una carrozzeria convenzionata?”.

Cosa si intende per carrozzeria convenzionata?

Innanzitutto parlare di “carrozzeria convenzionata” significa che a monte c’è un accordo commerciale con la compagnia assicurativa grazie al quale una determinata carrozzeria diventerà il punto di riferimento per l’assicurato nella gestione di un qualunque sinistro stradale.

Carrozzeria Mattia di Trezzano sul Naviglio è convenzionata con le principali compagnie assicurative: Cattolica, Genertel, Generali e Vittoria.

I vantaggi di affidarsi ad una carrozzeria convenzionata

Avere l’obbligo della riparazione dell’auto presso una carrozzeria convenzionata si rivela di fatto un grosso vantaggio, specie dal punto di vista economico.

Standard di qualità garantiti e una corsia preferenziale per soddisfare le esigenze del cliente, ma soprattutto nessun anticipo di pagamento, perché a quello ci pensa direttamente l’assicurazione.

I plus di Carrozzeria Mattia, convenzionata con assicurazione Generali, Genertel, Cattolica e Vittoria

Carrozzeria Mattia a Trezzano sul Naviglio, convenzionata con le principali assicurazioni presenti sul mercato, è in grado di offrirti una gamma di servizi aggiuntivi grazie ai quali potrai dimenticarti di aver avuto un sinistro.

  • nessun anticipo in denaro
  • garanzia a vita dei lavori di riparazione
  • abbattimento della franchigia
  • auto sostitutiva, con cambio manuale o automatico a seconda delle tue esigenze
  • numero WhatsApp dedicato
  • servizio rapido e di qualità, l’80% dei lavori viene eseguito nell’arco di 48 h.

Se hai avuto un sinistro e vuoi sapere se Carrozzeria Mattia a Trezzano sul Naviglio (Milano) è convenzionata con la tua assicurazione, contattaci!

Leave A Comment