Come avviene la preparazione per la lucidatura dell’auto professionale dal carrozziere?

È stata proprio quella brillantezza scintillante a farti innamorare con un solo sguardo di lei, la tua amatissima auto, nuova fiammante. Ma si sa, la bellezza è destinata a sfiorire nel tempo e così accade anche per la carrozzeria dell’auto che, anno dopo anno, vede svanire il suo splendore iniziale.

Niente paura!

Grazie all’accurato procedimento di lucidatura dell’auto professionale, eseguito da un carrozziere esperto come i professionisti di Carrozzeria Mattia di Trezzano sul Naviglio (Milano), la tua vettura tornerà “sparkling”: scintillante come nuova.

Ma attenzione, la lucidatura dell’auto dopo la verniciatura è solo l’ultimo dei passaggi del cosiddetto “detailing”, ovvero quel processo di cura nel dettaglio dell’automobile che predispone ad una buona riuscita della lucidatura.

In questo processo preparatorio, lavaggio e decontaminazione sono gli step iniziali, qui approfondiremo meglio l’aspetto del lavaggio e successivamente analizzeremo la procedura della decontaminazione in un articolo specifico.

La diagnosi dei difetti della verniciatura per la cura più adeguata

Così come abbiamo evidenziato gli errori più comuni della lucidatura fai da te, anche in un processo di pulizia del veicolo – che per molti è il rituale sacro della domenica mattina –  è bene prestare molta attenzione ed affidarsi a mani esperte per ottenere il miglior risultato.

Solo l’occhio competente del professionista è in grado di effettuare un’analisi dei difetti della verniciatura e valutare il tipo di prodotto più adeguato alla loro rimozione. Infatti non tutti i tipi di sporco sono uguali e non attaccano nello stesso modo la superficie. A seconda della loro azione e posizionamento sulla carrozzeria possono suddividersi in:

  • Difetti di verniciatura superficiali

In questa categoria rientrano i difetti di verniciatura meno invasivi, come le deiezioni dei volatili (e chi vive a Milano e dintorni ne sa ben qualcosa…), gli insetti che specie durante il periodo estivo si attaccano sulla carrozzeria, i residui del pulviscolo industriale o dei freni o ancora le gocce d’acqua e la resina.

  • Difetti di verniciatura profondi

Questa tipologia di difetti è molto più invasiva, perché va ad aggredire in profondità lo strato di trasparente e può essere rimossa esclusivamente con un trattamento di lucidatura dell’auto professionale affidandosi ad un carrozziere esperto. Tra questi ci sono i graffi e l’ossidazione derivata dall’azione dei fenomeni atmosferici.

L’importanza del prelavaggio per una lucidatura perfetta della tua auto dopo la verniciatura

Come abbiamo accennato, la lucidatura dell’auto dopo la verniciatura è la conclusione del processo di “detailing” che ha il suo inizio nella fase di prelavaggio della vettura, indispensabile come preparazione del veicolo per le successive fasi di pulizia.

A cosa serve il prelavaggio

Grazie al primo step del prelavaggio viene rimosso innanzitutto lo sporco più leggero della superficie della carrozzeria, come le tracce di inquinamento o le sostanze grasse, e inoltre favorisce la rimozione in maniera più rapida delle sostanze più resistenti come la resina o le deiezioni dei volatili.

Il prelavaggio: il procedimento

Durante la fase di prelavaggio la parola d’ordine è sgrassare. Per questo viene impiegato un prodotto specifico denominato sgrassante, composto a base alcalina, che serve a rendere più morbido lo sporco incrostato e facilita la rimozione delle impurità che man mano nel corso del tempo si sono depositate sul veicolo.

Per capire come funziona basta pensare ad un detergente per il viso dalla consistenza schiumosa o alla schiuma da barba, l’applicazione dello sgrassante segue esattamente la stessa dinamica.

  1. LA STESURA: normalmente viene utilizzata la cosiddetta “lancia foam” che serve a stendere il prodotto sottoforma di schiuma sulla carrozzeria dell’auto.
  2. IL RISCIACQUO: in questo passaggio viene utilizzata l’idropulitrice che, sfruttando la bassa pressione e senza toccare l’auto, risciacqua la superficie della carrozzeria eliminando ogni residuo di sgrassante.
  3. IL RISULTATO: la superficie a questo punto è pulita e pronta per il successivo passaggio di lavaggio vero e proprio, che concluderà la prima parte del processo di preparazione alla lucidatura dell’auto professionale eseguita dal carrozziere.

Il lavaggio vero e proprio: è qui che si fa la differenza

Rimosse le impurità più grossolane con la fase del prelavaggio, ora è il momento di affrontare lo step numero 2 ovvero il lavaggio vero e proprio che, se eseguito correttamente, garantirà la base ottimale per la successiva operazione di decontaminazione e assicurerà una lucidatura dell’auto perfetta dopo la verniciatura della carrozzeria.

La scelta dei prodotti

Usereste mai un prodotto detergente per le mani come docciaschiuma? La risposta è no, questo perché ogni parte del corpo, così come ogni parte della carrozzeria, ha le sue specificità e accumula lo sporco in modo differente.

Ecco perché è importante scegliere il prodotto più adeguato alla rimozione di tutte le impurità dalla carrozzeria per ottenere una superficie davvero pulita.

Un carrozziere esperto è l’unico in grado di valutare le impurità e stabilire cosa è meglio usare per massimizzare il risultato, anche in vista della successiva fase di decontaminazione.

Sul mercato esistono diversi prodotti specifici per il lavaggio approfondito dell’auto, i più utilizzati dai professionisti del pulito sono i detergenti a base di schiuma dal Ph neutro, che resistono all’acqua con forte presenza di calcare.

Il procedimento del lavaggio

Una volta individuato il prodotto – o i prodotti – da utilizzare, in questa fase la parola d’ordine è pulire. Vediamo insieme il procedimento:

  1. LA STESURA: anche per il lavaggio viene utilizzata la “lancia foam” che serve per distribuire in modo uniforme il prodotto sulla superficie da trattare.
  2. LA POSA: come per uno shampoo per capelli, anche lo shampoo per detergere la carrozzeria dell’auto necessita di rimanere in posa per un certo periodo di tempo in modo tale da ottimizzare la sua azione pulente.
  3. LA RIMOZIONE: per eseguire correttamente questo passaggio molto delicato si procede manualmente attraverso l’utilizzo di apposite spugne in microfibra, utili anche per rimuovere lo sporco più resistente senza graffiare la carrozzeria.
  4. IL RISCIACQUO: come per il prelavaggio, anche per il lavaggio vero e proprio viene usata l’idropulitrice che va ad eliminare ogni residuo di shampoo.
  5. L’ASCIUGATURA: rigorosamente manuale.

Et voilà, l’auto è perfettamente pulita pronta per la fase numero 2, ovvero la decontaminazione che vedremo in seguito.

L’importanza del carrozziere esperto: con Carrozzeria Mattia di Trezzano sul Naviglio vai sul sicuro

Non affidarti al caso per quello che può sembrare un processo semplice e fai da te!

Affidati a esperti carrozzieri come i professionisti di Carrozzeria Mattia a Trezzano sul Naviglio a pochi passi da Milano: con loro, il risultato è garantito.